Spermiocultura

La spermiocoltura è un esame colturale che viene effettuato sul liquido seminale e deve essere eseguito dal Paziente stesso. Tramite la spermiocoltura è possibile rilevare l’eventuale presenza di batteri o di altri tipi di patogeni nello sperma; è quindi possibile indagare la presenza di eventuali infezioni a carico di prostata, vescichette seminali, didimo ed epididimo; è altresì possibile evidenziare processi infettivi a carico dell’uretra, ma per l’individuazione di patologie infettive a carico di quest’ultimo organo viene generalmente consigliato un esame più specifico, il tampone uretrale.

È fortemente consigliato evitare di urinare nelle due ore che precedono l’esame.

La spermiocoltura non deve essere effettuata prima di dieci giorni dalla fine di un’eventuale terapia antibiotica anche se assunta per altri motivi.

Il liquido seminale va raccolto, previa masturbazione, in un contenitore sterile; prima della raccolta e dopo essersi accuratamente lavate le mani, si devono detergere il glande e il meato uretrale esterno con l’aiuto di una garza sterile inumidita con sapone medicato; il contenitore destinato alla raccolta del liquido seminale non va toccato internamente.

Il campione destinato alla spermiocoltura deve essere inviato al laboratorio nel giro di un’ora dall’emissione.

2017 - Powered by Made in Genesi